Le mie moto

Trotter Moto Guzzi
Trotter Moto Guzzi

 

 

 

 

 

 

Queste le moto per me più significative che mi hanno accompagnato per vicoli, sentieri, strade ed autostrade in italia ed Europa.

 

Il primo "motorino", e già chiamarlo motorino è un attestato di fiducia. I miei coetanei sfrecciavano sui "Guzzi Dingo", "Guazzoni Mattacros", "Morini Corsarino"....., io con il Trotter Moto Guzzi,....... un po' d'invidia,........ ma ci si divertiva lo stesso, sopratutto ci si accontentava!

 

Poi "Moto BI tre marce" di cui ho faticato a trovare un'immagine decente. Infatti questa è quella di un Benelli , del tutto identico. Il mio era verde col telaio color panna, nonostante l'apparenza era scattante e aveva buone prestazioni.

 

La "Vespa Piaggio" di mio papà. Riesumata da una cantina,dopo molti anni di abbandono questo modello 150cc del 1958, ripulita e verniciata era ritornata al suo antico splendore, oggi sarebbe un pezzo ricercato, anche se guidarla non era proprio uno scherzo, per cambiare, ricordo, ci volevano i muscoli di Braccio di Ferro.

 

Mentre ero a militare mio padre prese ai miei fratelli ma qualche volta l'ho usato pure io una "Benelli 125 bicilindrica", bellissima, ma durò poco.

 

Venne la moda per le moto da Trial, nulla a che vedere con i mezzi tecnologici e ultraleggeri di oggi, erano un po' come moto da cross ma con un motore tutta coppia e potenza, oltre naturalmente ai rapporti del cambio ottimizzati per la situazione.

La mia esperienza è relativa alla"Montesa Cota 350"una belva inarrestabile che più di una volta mi ha "disarcionato" mandandomi gambe all'aria, con grande soddisfazione di qualche contadino che m' inseguva, forcone in mano.... .

 

La mia prima moto "vera", Guzzi 350C. L'aspetto era un po da custom, ma era una moto tutto fare. Attrezzata con bauletto, borse laterali rigide, borsa da serbatoio, più una borsa da viaggio legata sopra il bauletto, ho girato mezza Europa, ......più di una volta, entrando con i bagagli in qualche albergo, la domanda del portiere.........

 

forse non ho capito bene,.....quante moto siete....?

 

Poi,dal mitico Scola, storico preparatore dei modelli Guzzi da competizione, che aveva aperto un'officina in quel di Lecco, avevo fatto sostituire cilindri e pistoni con quelli dello stesso modello di cilindrata 500cc., aumentandone il "tiro"sopratutto sui percorsi dei passi Alpini, itinerari da me sempre privilegiati.

 

Ora, la moto della vita. Oggi giorno una moto dopo,....e già mi allargo, dico cinque anni, è considerata vecchia, superata.

 

La Kawasaki GTR 1000, mi ha tenuto compagia, per 16 anni. Una "turistica" con cuore sportivo. Motore derivato dalla velocissima GPz 1000 RX," addomesticato" all'uso turistico, che all'occorrenza sapeva dimostrare le proprie origini. Grande passista e macinatrice di km, aveva nella comodità e nel confort di viaggio, anche e sopratutto in coppia, le sue doti migliori. Dotata di una carena molto protettiva, non bastava una pioggia normale per bagnare il conducente.

 

100cv - 230 km/ora il suo biglietto da visita, un po' pesante nei movimenti da fermo, non aveva poi altri punti deboli. Tagliandata regolarmente, non ho mai avuto un guasto o un inconveniente, forse non è un caso se le moto che l'hanno seguita sono state poi kawasaki.

 

Quando avevo quasi deciso di appendere "il casco al chiodo", mi sono poi ritrovato a reinventarmi "biker". Una serie di situazioni mi hanno portato a provare quasi per caso una Kawasaki VN 900. E' scoccata la scintilla e questa moto mi ha accompagnato per cinque anni. Comoda, ben bilanciata, ottimo motore, che pur non avendo molti cv, 50 per l'esattezza, dispone di una buona coppia sin dai 2.500giri.

 

Ho provato ad aumentare un po' le prestazioni, montando una centralina elettronica Power Commander USB III, e un filtro aria aperto. Il tutto con una ricalibrazione al Banco, mi ha fatto guadagnare circa quattro cavalli, che comunque sopratutto sui percorsi montani , con passeggero e bagagli si fanno gradire.

 

Unico neo forse, il dimensionamento dell'impianto frenante. Due dischi all'avantreno sarebbero stati senz'altro graditi, invece del singolo previsto. Ma non si può avere tutto.....:)

Sono ora a "cavallo" di una kawasaki VN1700 Voyager. Mai avrei pensato di cimentarmi con mezzi di queste dimensioni, in realtà cercavo un mezzo che mi permettesse di non sudare "quattro camice", e non solo nel senso letterale, ogni volta  dovevo caricare un bagaglio. Per farla breve l'ho presa senza neanche provarla. Qualche sbirciatina alla scheda tecnica, qualche video su youtube, la visita al concessionario e... presa. Avevo considerato anche GoldWing,

BMW K1600gtl, Triumph Roket. Ma , eccezion fatta per la prima, il cui esborso economico e la stazza, mi hanno frenato, le altre non mi avevano entusiasmato.

Le prime impressioni sono buone, sopratutto la manovrabilità, una volta in movimento , mi ha meravigliato. Buono il motore, ....nota negativa la rumorosità del cambio fra 1a e 2a, dicono che con i Km migliora, ma ho seri dubbi.

Comunque resta una moto tutta da scoprire, quindi inizia l'avventura.

Ghiacciaio dell'Aletsch
Ghiacciaio dell'Aletsch

Indimenticabile ! Ciao Diego

www.arredamentimglmanzoni.com
www.arredamentimglmanzoni.com